La biotecnologia per punire i criminali. La biotecnologia potrebbe essere utilizzata per ingannare la mente del detenuto facendogli credere di aver scontato una pena di 1000 anni (mentali) in poche ore di “vita terrena”.

PENE DI 1000 ANNI

In futuro i detenuti potrebbero scontare fino a “1000 anni” di carcere in sole 8,5 ore.
A rivelarlo è stata Rebecca Roache, ricercatrice a capo di un team di studiosi focalizzati sui modi in cui le tecnologie futuristiche potrebbero trasformare le pene detentive.

La biotecnologia per punire i criminali

DUE MODALITA’

Come aggravare le pene per i criminali? Estendendo le loro vite! Esistono due modi per farlo. Il primo è fare uso di farmaci psicoattivi somministrati a modi pillola o iniezione, sviluppati per distorcere le menti dei prigionieri in modo che il tempo passi molto più lentamente. Un secondo modo sarebbe invece quello di collegare le menti umane a dei computer per accelerare la velocità con cui funziona la mente.

LE PAROLE DELLA SCIENZIATA

La ricercatrice spiega che se l’accelerazione fosse fatta ad 1 milione, un millennio di pensiero sarebbe compiuto in circa otto ore e mezza. Caricare la mente di un criminale ed eseguirla un milione di volte più velocemente del normale consentirebbe al condannato di scontare una pena di 1000 anni in 8,5 ore. Questo sarebbe, ovviamente, molto più economico per il contribuente che prolungare la durata della vita dei criminali per consentire loro di scontare tanti anni in tempo reale. Trent’anni di carcere sono attualmente la punizione più severa disponibile nel sistema legale del Regno Unito.

ETICA

Si apre ovviamente un dibattito etico sulla questione. È lecito questo tipo di condanna?
Per la dottoressa Roache, prima di chiedersi se sia disumano infliggere una certa tecnologia a qualcuno, bisogna assicurarsi che non sia solo la “non familiarità della pena” a spaventarci.

TANTI DUBBI

Va davvero bene rinchiudere qualcuno per la parte migliore della sola vita che avrà? O potrebbe essere più umano infliggere questa pena al suo cervello e poi liberarlo? Quando facciamo questa domanda, l’obiettivo non è semplicemente immaginare punizioni futuristiche: l’obiettivo è guardare le punizioni di oggi attraverso la lente del futuro.

ARTICOLI CORRELATI:

Iphone 13 pro: novità nei colori
1 Shares: