Per FAA Jeff Bezos non è un astronauta. Infatti, le nuove regole di volo della Federal Aviation Administration gli negano qualifica e distintivo. Il volo di Bezos nello spazio è durato complessivamente 11 minuti ma questo non è bastato a fare del milionario un’astronauta. La Federal Aviation Administration statunitense ha infatti modificato le regole sui criteri necessari ad acquisire lo status ufficiale.

IL VOLO DEL NEW SHEPARD

Negli scorsi giorni il magnate Bezos ha fatto parlare di sé per essere diventato l’uomo più ricco a varcare le soglie dello spazio, a bordo della navicella New Shepard. Navicella costruita dall’azienda aerospaziale da lui fondata, la Blue Origin. Il volo di 11 minuti ha spedito il fondatore di Amazon e altri 3 passeggeri nello spazio.

NUOVE REGOLE

Secondo le vecchie regole per avere diritto al distintivo civile bastava far parte dell’equipaggio di un volo autorizzato dalla FAA da più di 80 chilometri di altitudine. Secondo le nuove regole i membri dell’equipaggio devono aver svolto attività fondamentali per la sicurezza del volo o aver dato con le proprie attività un contributo attivo alla sicurezza del volo umano nello spazio.

VOLO DI BEZOS COME GIRO AL LUNAPARK

La Federal Aviation Administration statunitense ha aggiunto insomma criteri che impongono che i membri di un equipaggio non siano semplici passeggeri passivi. Per la federazione è come se Bezos e i suoi compagni, spediti nello spazio pilotati da sistemi automatici controllati da un equipaggio di terra, si siano semplicemente goduti il giro come al lunapark.

DELUSIONE PER I TURISTI SPAZIALI

Non è chiaro se la FAA abbia reso più stringenti i suoi requisiti per rispondere direttamente all’avvento del turismo spaziale che ha subito un’accelerata nelle ultime settimane, ma le tempistiche sono senz’altro un indizio. La novità giunge come una doccia fredda sia per Bezos che per i vari paperoni che stanno puntando sullo spazio.

ARTICOLI CORRELATI:

Il propulsore che renderà più veloci i viaggi spaziali
0 Shares: