Criminali ricattano chi compra falsi Green Pass. Con il Green Pass obbligatorio per accedere ad un maggior numero di attività c’è chi prova a lucrarci. Molti criminali informatici si sono attivati per vendere online false certificazioni.

Criminali ricattano chi compra falsi Green Pass

NESSUNA NOVITA’

La truffa non è nuova. Infatti, già all’inizio del mese si è avuto notizia del blocco di 10 canali Telegram. Attraverso Telegram i criminali vendono i certificati falsi, ma i malintenzionati non sembrano essersi rassegnati.

GRUPPI TELEGRAM

Da poco è stato avvistato un nuovo gruppo Telegram che attiva Green Pass digitali in 48/72 ore.

NO VAX

Molti i no Vax allettati dall’idea. Ad accettare l’offerta sono soprattutto i no Vax e chi non intende rispettare la legge. In sostanza, è l’ideale per chi non vuole vaccinarsi e continuare a fare vita sociale.

FALSI GREEN PASS

Non serve né aver fatto il vaccino, né aver fatto un tampone per avere i falsi Green Pass. Per ottenere il Green Pass falso non è necessario fare alcun tampone, né il vaccino e neppure aver avuto in precedenza il covid. Basta pagare.

DECALOGO

I criminali informatici chiedono i dati personali. Chi vuole comprare un falso certificato deve fornire i documenti. Occorre dare la tessera sanitaria, il codice fiscale ed un documento d’identità. In questo modo i criminali informatici sanno tutto dei propri clienti.

LISTINO PREZZI

Esiste un listino prezzi. Va dai 100 euro fino ai 500 euro circa.
Le cifre partono da 100 euro per la certificazione in forma digitale. Sale a 120 euro per quella cartacea. Ci sono poi anche i ‘pacchetti’. I pacchetti partono da 300 euro per un nucleo familiare di persone. Arrivano a 500 euro per 6 persone.

METODO DI PAGAMENTO

I pagamenti avvengono tramite Bitcoin, buoni Zalando, Amazon o Playsafecard.

RICATTO

L’ultima notizia è che i criminali adesso ricattano coloro che hanno comprato Green Pass falsi. I criminali della rete hanno tutti i loro dati: codice fiscale, carta d‘identità etc. Per questo adesso li ricattano. Chiedono un “pizzo” di 350 euro in bitcoin. Altrimenti i criminali si dicono pronti a denunciarli alla polizia.

ARTICOLI CORRELATI:

WhatsApp: immagini visualizzabili solo una volta

0 Shares: