La Nasa e il progetto Perseverance. La Nasa con Perseverance testa una nuova tecnologia. Trasformerà il calore in elettricità. Potrebbe salvare anche la Terra.

La Nasa e il progetto Perseverance


NOVITA’ DALLA NASA

La Nasa è al lavoro su una nuova tecnologia. Sarebbe in grado di trasformare il calore in elettricità grazie al rover Perseverance. Il punto di partenza è la quantità di calore che viene dispersa dai combustibili fossili, pari al 65%.
In ogni angolo della terra, le fabbriche disperdono enormi quantità di calore durante i processi produttivi. Tutta energia che va ovviamente sprecata. E che in realtà potrebbe essere utilizzata per altri scopi. Perseverance converte il calore in elettricità. Potrebbe essere la soluzione.

COME FUNZIONA

Persevarance è infatti in grado di sfruttare il decadimento radioattivo del plutonio. Ciò garantisce al robot un tasso di conversione del 4-5%. È una quantità di energia tale da permettere alla “sonda” di effettuare le operazioni necessarie. Ovviamente Terra e Marte sono due pianeti completamente diversi.

TEAM AMERICANO

Ma un team di scienziati americani sembra essere vicino alla soluzione. Nel dettaglio ci sarebbe un materiale termoelettrico ad alte prestazioni. Questo materiale permette di convertire il calore in elettricità funzionando quindi da materiale termoelettrico.
Insieme agli scienziati della Northwestern University ci sono quelli della Seoul National University in Corea del Sud. Un team di alto livello che può rivoluzionare tutto. Perché trasformare il calore in energia significa sostegno pieno all’ambiente.

AMBIENTE

L’allarme dell’Onu è di questi giorni. Tanta Co2 nel 2019 mai vista in 2 milioni di anni. Negli ultimi 50 anni la temperatura della Terra è cresciuta a una velocità che non ha uguali negli ultimi 2.000 anni. La parte preponderante del riscaldamento climatico è causata dalle emissioni di gas serra. Il tempo a disposizione per fermare la catastrofe è breve. Circa 10 anni secondo gli esperti.

ARTICOLI CORRELATI:

Smartphone pieghevoli, boom in vista

0 Shares: