Tesla Giga Berlin: al via la produzione già a ottobre. Elon Musk, in visita allo stabilimento di Berlino, è fiducioso sull’avvio produttivo già in autunno. Annuncia che già ad ottobre le porte della fabbrica si apriranno. L’azienda americana pronta a conquistare il mercato automobilistico europeo.

PRIMO STABILIMENTO TESLA IN UE

Il primo stabilimento europeo della Tesla sarà Giga Berlin in Germania. Infatti, potrebbe entrare in funzione già entro la fine dell’anno. A comunicarlo è lo stesso Elon Musk, Ceo di Tesla, in visita al sito tedesco. In quell’occasione ha incontrato i vertici del Brandeburgo (dove sorgerà lo stabilimento). Ha conosciuto anche Armin Laschet, che probabilmente sarà il successore della cancelliera Angela Merkel.

LE RAGIONI DEL RITARDO

Le normative rappresentano la motivazione del ritardo dell’entrata in funzione dell’impianto. La Tesla, infatti, avrebbe apportato delle modifiche alla domanda di pianificazione. Tale domanda deve essere nuovamente approvata in un nuovo giro di consultazione pubblica. La compagnia americana ha già affrontato diverse sfide per la realizzazione della fabbrica tedesca. Tesla prevede di costruire fino a 500.000 auto. Il primo modello sarà la Model Y. Impiegherà circa 12 mila persone. E sono tante le “teste” saltate, tra cui quella dell’ingegnere responsabile del progetto.

L’IMPORTANZA DELLO STABILIMENTO TEDESCO

La Giga Berlin permetterà di lanciare il Suv Model Y in Europa. Inoltre, espanderà’ la sua presenza nel mercato europeo. Obiettivo di Tesla è conquistare il mercato automobilistico in UE. Sempre dalle linee dell’impianto teutonico dovrebbe uscire anche la Model 2, ossia la prima compatta della compagnia americana.

IL 9 OTTOBRE PORTE APERTE

Musk ha annunciato il 9 ottobre come il giorno del “porte aperte” della Gigafactory. In questa data gli abitanti del luogo, potranno entrare all’interno della fabbrica e prendere visione dello stabilimento. Chiaramente il tutto deve essere accompagnato dall’ottenimento delle relative autorizzazioni.

ARTICOLI CORRELATI:

Elon Musk e i colloqui

0 Shares: