Cellulare caduto in acqua? Ecco cosa fare.

Se il cellulare cade in acqua (magari mentre siamo in vacanza), ecco come salvarlo.
Un evento che rischia di rovinare il nostro riposo estivo: trovarsi lontano da casa, in vacanza, senza il nostro smartphone.
Per fortuna non è un evento irreparabile, basta seguire una procedura ben precisa. Inoltre, va tenuto presente che alcuni moderni device hanno una certificazione IP67, che ne garantisce la resistenza anche in caso di caduta in acqua. Certo non tutti i cellulari sono così schermati ma questo non è irrimediabile. Basta non commettere alcuni errori.

Cellulare caduto in acqua

IL METODO

La prima cosa ovvia da fare è togliere il prima possibile lo smartphone dall’acqua. Il device non va scosso. Non bisogna soffiare per “togliere” l’acqua, visto che questa è già penetrata dentro.
Non va toccato nessun altro tasto: unica cosa spegnere lo smartphone il prima possibile. E, successivamente, se le caratteristiche lo consentono, mettere il cellulare verticalmente, così l’acqua scorra in basso. Successivamente togliere l’eventuale custodia, la batteria (se rimovibile) e la SIM.
Non asciugate l’acqua con un asciugamano: provochereste la stagnazione dell’umidità. Al contrario utilizziamo la carta assorbente.

IL RISO

Per togliere velocemente e senza problemi l’umidità c’è un metodo antico ma infallibile: il riso.
Si prepara una bustina, quella tipica dei surgelati, si riempie col riso e poi si inserisce dentro il cellulare smontato, compresa la batteria. A questo punto serve solo pazienza: il device va lasciato nella busta almeno 24 ore, in modo che si asciughi completamente.
Trascorso il giorno è possibile rimontare tutto e, come per magia, il cellulare caduto in acqua tornerà a funzionare. Esiste anche una modalità più al passo coi tempi. Infatti, se volete utilizzare un metodo più tecnologico si possono acquistare le classiche palline in silice, ma è più facile trovare già bella e pronta una scatola di riso in casa.

ARTICOLI CORRELATI:

Whastapp Photo nuova funzione in arrivo
0 Shares: