Netflix scommette sui videogiochi. Gli abbonati crescono meno del previsto.

Il totale degli utenti a livello globale è salito a 209 milioni, ma in Usa e Canada il numero cala. Così la piattaforma di streaming più grande del mondo strappa a Facebook un esperto di videogames e amplia la sua offerta.

netflix

MENO ABBONATI

Sebbene il totale degli abbonati a livello globale è salito a 209 milioni, preoccupa la perdita di 430.000 utenti. Tutti negli negli Stati Uniti e Canada, ovvero i due mercati più redditizi.

Netflix cresce ancora dopo l’esplosione dello scorso anno durante la pandemia e i lockdown. Ma i risultati trimestrali riportati ieri dal gruppo hanno in parte deluso le attese del mercato: i nuovi abbonati al 30 giugno erano 1,54 milioni, meglio degli 1,12 milioni previsti dalla società ma inferiori agli 1,75 milioni attesi da buona parte degli analisti.

RALLENTAMENTO

È il peggior rallentamento nella crescita degli abbonati in otto anni. Per arrivare a un incremento di 5,5 milioni bisogna andare indietro fino al primo semestre del 2013, quando Netflix cominciava a proporre contenuti originali. Così l’annuncio di oggi segna un’altra svolta storica per la piattaforma di streaming tv: anche i videogiochi saranno prodotti in proprio, nell’ambito di una strategia pluriennale che in realtà appare ancora vaga, a cominciare dal lancio effettivo del servizio, che non ha ancora una data.

VIDEOGIOCHI

La società di Los Gatos, California, ha in realtà anticipato la mossa la scorsa settimana. Quando ha comunicato l’assunzione di un dirigente esperto di videogiochi, Mike Verdu, per esplorare potenziali opportunità in un altro campo dell’intrattenimento.

NUOVE OPPORTUNITÀ

“Vogliamo far crescere il servizio di abbonamento e renderlo più importante nella vita delle persone”, ha detto il co-CEO di Netflix Reed Hastings agli investitori. Greg Peters, manager Netflix, ha spiegato che l’azienda si concentrerà sui titoli per smartphone prima di espandersi eventualmente anche a console e televisori.

ARTICOLI CORRELATI:

Clubhouse: è finita la beta, ora tutti possono scaricarla
0 Shares: